Logo roma3

Dipartimento di Scienze

Biodiversita' e gestione degli ecosistemi | Ecologia animale

Ecologia animale

TitolareDott. Vignoli Leonardo
Anno accademico 2016 - 2017
Anno corso Primo
Periodo didattico II Semestre
C.F.U. 6
Codice ateneo 20401642
Settore Scientifico Disciplinare BIO/05

Obiettivi formativi del corso

SONO ASSUNTI COME OBIETTIVI FORMATIVI PREVALENTI:1) L’ACQUISIZIONE DI UN APPROCCIO EVOLUZIONISTICO ALL’ECOLOGIA ANIMALE; 2) L’ACQUISIZIONE DI CONOSCENZE DI BASE DI ASPETTI AUTOECOLOGICI, SINECOLOGICI E DI ECOLOGIA DELLE POPOLAZIONI; 3) L’ACQUISIZIONE DI ESPERIENZA SPERIMENTALE IN NATURA SUI SUDDETTI ASPETTI ECOLOGICI; 4) L’AUTOVALUTAZIONE DA PARTE DELLO STUDENTE DELLA COMPETENZA IN AMBITI PARTICOLARI DEL CAMPO SPECIFICO.

Programma del corso

IL CORSO E’ ARTICOLATO IN UN MODULO DI LEZIONI FRONTALI IN AULA ED UNO STAGE RESIDENZIALE CONCLUSIVO IN UNA STRUTTURA D’ACCOGLIENZA IN UN’AREA PROTETTA IN NATURA, OVE SI SVOLGONO LEZIONI ED ESERCITAZION PRATICHE SU ASPETTI DI ECOLOGIA DI POPOLAZIONE, DI COMUNITA’ E DI AUTOECOLOGIA.
IL MODULO DI LEZIONI FRONTALI CONCERNE I SEGUENTI ASPETTI: (A) SIGNIFICATO ED IMPOSTAZIONE DEL CORSO. LIVELLI STRUTTURALI DELLA DIVERSITÀ ANIMALE. (B) ADATTAMENTI ANIMALI ALLE CARATTERISTICHE ECOLOGICHE DEI BIOMI. © ECOLOGIA DELLE COMUNITÀ ANIMALI: RAPPORTI INTRASPECIFICI ED INTRASPECIFICI; ESEMPI DI COMUNITÀ ANIMALI DI AMBIENTI ACQUATICI E TERRESTRI (TAXOCENOSI E GUILD); METODI QUALITATIVI E QUANTITATIVI DELLO STUDIO DELLE COMUNITÀ ANIMALI; DIVERSITÀ, EQUIRIPARTIZIONE, DOMINANZA, INDICI DI DIVERSITÀ BIOTICA; RUOLO ECOLOGICO DELLE SPECIE ED ESCLUSIONE COMPETITIVA. (D) ECOLOGIA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI: STRUTTURA, DINAMICA, REGOLAZIONE, CLASSI DI ETÀ, SEX-RATIO, STIME NUMERICHE DELLE POPOLAZIONI E METODI DI MARCAGGIO E RICATTURA; MODELLO DELL’EQUILIBRIO DI WILSON E MACARTHUR; METAPOPOLAZIONI; CENNI DI GENETICA DELLE POPOLAZIONI. (E) AUTOECOLOGIA: METODI DI RICERCA E DI ANALISI DEI DATI; PROBLEMATICHE ED ESEMPI DI STUDIO DI: NICCHIA TROFICA; NICCHIA SPAZIALE; NICCHIA TEMPORALE. IL CORSO PREVEDE ISTITUZIONALMENTE, OLTRE ALLO STAGE RESIDENZIALE, IN CUI VENGONO SVOLTE CA. 6 ORE AL GIORNO DI PRATICHE IN NATURA, ANCHE 2-3 ESERCITAZIONI IN NATURA DI UN SOLO GIORNO, INTERVALLATE ALLE LEZIONI FRONTALI NEL PRIMO MODULO.

Testi di riferimento

NON ESISTE UN SINGOLO LIBRO DI TESTO, MA OLTRE A DISPENSE E POWER POINTS FORNITI AGLI STUDENTI, SONO UTILI, PER ALCUNE PARTI INDICATE DAL DOCENTE: RICKLEFS R.E., 1997. ECOLOGIA. ZANICHELLI; BOITANI L. & FULLER T.K. (EDS.), 2000. RESEARCH TECHNIQUES IN ANIMAL ECOLOGY. CONTROVERSIES AND CONSEQUENCES. COLUMBIA UNIVERSITY PRESS, N.Y.; KREBS J.R. & DAVIES N.B., 2002. ECOLOGIA E COMPORTAMENTO ANIMALE. BOLLATI BORINGHIERI; LOVARI & ROLANDO, 2004, GUIDA ALLO STUDIO DEGLI ANIMALI IN NATURA, BOLLATI BORINGHIERI. GOTELLI, N.J. AND A.M. ELLISON. 2004. A PRIMER OF ECOLOGICAL STATISTICS. SINAUER ASSOCIATES, INC., SUNDERLAND, MA.; GOTELLI, N.J. 2008. A PRIMER OF ECOLOGY. 4TH EDITION. SINAUER ASSOCIATES, INC., SUNDERLAND, MA.

Unità Didattiche

MODULO 1
Docente Tipo Attività Durata (h) Tipo Attività Formativa SSD CFU
Dott. Vignoli Leonardo LEZIONE 32 CARATTERIZZANTE BIO/05 4.0
MODULO 2
Docente Tipo Attività Durata (h) Tipo Attività Formativa SSD CFU
Dott. Vignoli Leonardo LABORATORIO 20 CARATTERIZZANTE BIO/05 2.0

Allegati

Titolo Destrizione